Homepage -> Why USA?

Why USA?

Editoriale: Why USA?

22.9.2005  - - - > Editoriale

United We Stand

Lady's back, back again, Lady's back, tell a friend,
Lady's back, Lady's back, Lady's back...

Sulle note di una canzone del mio rapper preferito (ndr. Eminem, a cui faccio gli auguri di pronta guarigione), do un caloroso benvenuto a tutti i visitatori, vecchi e nuovi, affezionati e non!

Dunque ci risiamo, mi accingo a scrivere per la terza volta (forse quarta, quinta... non lo so più, ormai ho perso il conto) questa pagina di presentazione di American Pizza Party che ho chiamato "Why USA?". Ero un po' indecisa sul fatto di lasciare o meno la versione precedente, poiché ho raccolto tantissime opinioni contrastanti a riguardo. Alcune persone la approvavano al 100%, altre sono arrivate ad insultarmi per quello che avevo scritto. Non mi andava di eliminare il centro di tanti dibattiti, ma il mondo cambia in fretta ed APP deve adeguarsi, quindi nuova versione, nuova grafica, nuovi contenuti, nuovo "Why USA?". Ma per non perdere le nostre radici e per mostrare la continuità con il passato potete vedere come è cambiato APP dalle sue origini ad oggi nella nuova sezione APP Story.

Sono passati altri due anni dalla versione precedente di APP e nuovi avvenimenti sulla scena internazionale hanno scosso la nostra quotidianità, a partire dalla rielezione di George W. Bush, su cui pochi al di fuori degli USA avrebbero scommesso, passando per i recenti atti terroristici di Londra e Sharm El Sheik, che hanno insanguinato l'estate appena trascorsa, fino ad arrivare al disastro provocato dall'uragano Katrina. E si torna a parlare della guerra in Iraq, dei soldi che dovevano essere stanziati per la prevenzione di disastri come quello dell'uragano e che invece sono finiti altrove. Si sente addirittura dire che in Europa avremmo saputo affrontare meglio una catastrofe del genere, perchè siamo più avanzati tecnologicamente...

In questi due anni le cose non sono cambiate in meglio, anzi, se possibile, sono peggiorate. Ma una cosa non cambia mai nel nostro paese: il modo in cui ci viene raccontata l'America, il disprezzo con cui viene commentata qualsiasi notizia abbia a che fare con gli americani, il disgusto con cui si presentano i loro prodotti musicali, televisivi e cinematografici, l'arroganza con la quale si giudicano scelte di un popolo a cui dobbiamo tanto. Qualcuno ha avuto persino il coraggio di festeggiare l'anniversario della liberazione dell'Italia senza dire una parola sugli americani...

Insomma, torno a dire che è difficile vivere in un paese come l'Italia e avere l'America nel cuore, perchè nel nostro paese va di moda l'ipocrisia, si seguono le tendenza, la massa e molte persone hanno poca voglia di ragionare per proprio conto. Basta pensare ai programmi che ci propina la nostra TV, pubblica e non, e che, a quanto pare, incontrano il gradimento della maggioranza dei telespettatori.

Ma in questo paese in cui oggi mi riconosco forse ancora meno che due anni fa, sento il bisogno di continuare la strada che ho intrapreso con questo sito: raccontarvi un'America diversa, un'America che i nostri giornali e le nostra Tv non ci fanno vedere, un'America ricca di storia e tradizioni che non conosciamo, un'America a cui dobbiamo molto, nel bene e nel male... Ma visto che gli altri fanno vedere solo il male, e che io sono stata tacciata di far vedere solo il bene, cercherò, con questa nuova versione, di occuparmi di argomenti a 360 gradi.

Se ho deciso di continuare ad occuparmi di questa magica nazione è perchè ora, più che mai, la sento più vicina di quella in cui sono nata e desidero che American Pizza Party resti un punto di incontro per persone che amano e sostengono gli USA, e che hanno voglia di confrontarsi sui molti temi che li riguardano, scambiarsi idee, consigli di viaggio, racconti, storie, foto.

A testimonianza di quanto credo ancora in questo progetto ci sono le tantissime novità di questa nuova versione: un dominio ufficiale, finalmente, www.americanpizzaparty.com, uno spazio hosting professionale tutto per APP, il sito interamente riprogettato in PHP (ci ho messo un anno), con la possibilità per i visitatori di interagire tramite la LadyBBox, il Guestbook, i Commenti e il Forum e tante altre...

Infine, tornando a me, chi mi conosce personalmente, o segue APP da tempo, conosce già le origini del mio amore per l'America. A chi si trovasse qui per la prima volta dico che per me gli Stati Uniti rappresentano la terra della libertà, un luogo magico dove si può essere ciò che si vuole e vivere come meglio si crede... una nazione splendida fondata da europei, che pure ha saputo insegnare agli "altri" europei come vivere... il paese che per primo è riuscito a darsi una Costituzione Democratica... per me gli Stati Uniti sono... una signora con un libro e una fiaccola in mano che ti da il benvenuto sorridendo!

E a chi vorrà commentare che questa è solo una visione idealizzata di una nazione che in realtà è piena di difetti, rispondo in anticipo che nessuno è perfetto e che l'America non è il paradiso, non l'ho mai detto.

L'America è semplicemente, per me e molte altre persone che dal 2002 ad oggi mi hanno scritto per sostenermi, il luogo in cui mi sarebbe piaciuto nascere, se avessi avuto la possibilità di scegliere, e quello in cui vorrei vivere, se mai ne avrò l'oppurtunità.

In ogni caso questo sito non vuole offendere nessuno, è solo un omaggio alla Terra che amo.

Non c'è bisogno di essere Americani per sentirsi Americani!

United We Stand!

Written by Lady Blackice at 13:45:30 Commenti [30]