Homepage -> APP Blog -> Archivio anno 2004

APP Blog

Italiani... popolo di manifestanti, veline e bloggers!

E' un po' che non scrivo qui in American Blog, quando mi deciderò a fare sto cavolo di blog in php sarà troppo tardi e non avrò più niente da scrivere. Ma parliamo di cose serie...

Io non mi riconosco più in questo paese. Non che mi ci sia mai riconosciuta più di tanto, ma adesso... Per prima cosa credo che un delirio "letterario" si sia impadronito un po' di tutti noi. Tutti abbiamo urgenza di comunicare qualcosa, dai giornalisti delle più importanti testate, che hanno urgenza di comunicare il loro comunismo straripante, dai professori universitari, che sentono l'esigenza di pubblicare le loro rivoluzionarie e più o meno infondate tesi sull'attualità, sull'Islam, sul Demone America... alle puttanellle! Eh si, non vi scandalizzate, ma non vi siete accorti che ormai il 90% dei blog appartiene a qualche donzella che tutto d'un tratto sente il bisogno di parlarci molto esplicitamente della sua esuberante vita sessuale, sperando in cinque minuti di notorietà?.

Pensate che stia facendo lo stesso? No cari,io ho un sito sull'America, l'ho fatto da sola, non bloggo su un prefabbricato come Splinder, Clarence ecc., la pagina che state leggendo l'ho scritta <tag> per </tag>, e, soprattutto, sono qui a parlarvi di America, e non di altre stronzate che riguardano me!

Quindi vi illustrerò cosa c'entrano le blog-puttanelle con l'America. Ieri mi sono ritrovata a leggere un curioso articolo sul giornale. Era un articolo di un professore universitario, guarda caso, che sosteneva che siamo alle soglie di uno scontro tra civiltà, ma non tanto uno scontro tra Cristianesimo ed Islam, quanto uno scontro tra la cultura islamica (cultura!?!) e la cultura del Porno (cultura!?!) esportata dall'America in tutto il mondo.

La cultura del Porno? Esportata dall'America? E no, questa proprio non gliela passo... noi Italiani parliamo di cultura del Porno? Noi Italiani, che non guardiamo un programma se non ci sono abbastanza culi in mostra, anche alle due del pomeriggio? Noi Italiani che ci scocciamo anche del bollino rosso per proteggere i bambini? Noi Italiani, il popolo delle veline e dei calendari? Noi Italiani, che accogliamo a braccia aperte ragazze di altri paesi che non sanno fare niente e ne facciamo delle simpatiche soubrettine... devo continuare? Eh, si, ne manca una... noi Italiani che abbiamo gridato allo scandalo, risentiti, quando un giornalista del New York Times, tempo fa, aveva scritto un articolo in cui parlava negativamente della nostra tv-scollacciata-tutta-tette-e-culi! Proprio noi...

Il simpatico e arguto prof sosteneva che questa cultura del Porno, tipica dell'America, li avesse spinti non solo alle sevizie, ma alla giustificazione di esse. E poi, quando meno te lo aspetti, il prof ti cade nei soliti stereotipi: i college americani, luogo di perdizione per eccellenza, le caserme americane, idem... si è dimenticato Clinton con il famoso studio ovale!

Io non so in che modo e in che quantità siano state pubblicate quelle foto in America, ma so che la NOSTRA cultura del Porno, quella Italiana, e il nostro odio per gli USA hanno fatto si che da noi venissero pubblicate un po' ovunque. In ogni quotidiano campeggiavano anche quelle più esplicite, in obbedienza al voyerismo più bieco che da quando abbiamo sentito per la prima volta la parola reality show ci contraddistingue.

E' giustissimo parlarne, ma serve davvero questa insistenza sulle immagini? E non ha forse ragione Ferrara nel rilevare un'ipocrisia di fondo nel non mostrare le altre immagini, quelle dell'Americano decapitato? Peccato che lo spinga un motivo sbagliato, usarle per la campagna elettorale... che schifo! Stiamo perdendo il senso della realtà; noi, non gli Americani! Siamo noi che accusiamo un intero paese per gli atti ignobili di pochi elementi, mentre siamo pronti a giustificare una decapitazione perchè, cavolo, dopo quello che gli hanno fatto...

E comunque, per concludere, il prof in questione sosteneva che gli islamici non dimenticheranno tanto presto quelle immagini, ed è per quelle, e non per altro, che vorranno farcela pagare, il più presto possibile, per colpa degli Americani, che hanno cercato di coinvolgerli nella loro cultura del Porno, l'aspetto dell'Occidente che più li disgusta.

E bravo prof...! Sono felice di fare Ingegneria, almeno da noi si parla di flip-flop, reti logiche & company e mi vengono risparmiate le menate, in pieno delirio di onnipotenza, di questi pagliacci che a Lettere, Filosofia, Psicologia, Scienze della Comunicazione, Scienze Politiche, Sociologia ecc. si beccano lo stipendio per fare i loro sporchi comizi in aula! E non paghi, li scrivono anche sui giornali.

Non sopporto che si ricada sempre negli stessi stereotipi: gli americani che pensano solo al sesso, gli americani che non hanno radici e cultura, gli americani bambinoni stupidi.

A questo proposito, mi sono imbattuta ieri in un forum dove si parlava delle radici della cultura americana, e ho scoperto che avevano fatto copia/incolla di un intero articolo del mio sito, l'introduzione alla storia americana, citando si la fonte, ma senza nemmeno avvertirmi. Ho dovuto richiedere due volte che l'articolo venisse sostituito con il link alla pagina originale, ma alla fine, per ripicca, lo hanno rimosso e basta... italiani popolo di furbetti permalosi!

Per concludere, però, vi segnalo anche qualche blog che vale la pena di vedere, perchè in questo delirio letterario le voci contro vanno sostenute e incoraggiate... e sono felice di rilevare che stanno aumentando!

I Love America
American Dream
Ci Sono Anch'io
Nessuna Resa

LA FRASE: "Tutti possiamo essere famosi per quindici minuti!" (Andy Wharol)

Posted by Lady Blackice at 13:00:07 Commenti [0]

La forze delle immagini III

Poche parole... preferisco dare ancora spazio alle immagini che ci ha gentilmente inviato Lil'Uts. GRAZIE!

Mezzi Militari Americani I
Mezzi Militari Americani II
Mezzi Militari Americani III
Mezzi Militari Americani IV
Mezzi Militari Americani V
Mezzi Militari Americani VI
Mezzi Militari Americani VII
Mezzi Militari Americani VIII
Mezzi Militari Americani IX

Posted by Lady Blackice at 10:00:58 Commenti [0]

Cinematograficamente parlando... bla bla bla!

Non Ti Muovere (Locandina) Sul forum, nella sezione cinema o sul blog? Dove lo metto questo sfogo isterico per i sette euro che ho gettato nel water ieri andando al cinema? Ho optato per il blog perchè nel forum l'avrebbero letto in pochi e nella sezione cinema non ci stava bene perchè... eh si, lo ammetto, il film in questione non era americano: SACRILEGIO!

Mi sono lasciata convincere: mia sorella voleva andare a vedere "Non ti muovere" di Sergio Castellitto e io l'ho accompagnata, nonostante fosse un film italiano. Doveva bastare questo a tenermi lontana da tanti metri di pellicola sprecati, ma io no, temeraria, mi sono detta "E vediamoci sto film ITALIANO!" Insomma, non voglio farla tanto lunga, perchè questa non è una recensione; vorrei solo invitare chiunque si trovi a leggere questa pagina ad evitare questo film... non lasciatevi fregare dalle recensioni positive che girano nel nostro Bel Paese: purtroppo non sono molto attendibili.

"Non ti muovere" è pessimo: giuro, non ho mai visto un film tanto brutto in vita mia tra Tv, Vhs, Dvd, Cinema (e anche cartoni animati va!). Ma quello che mi fa più incazzare non è tanto essere andata a vedere un film che non mi è piaciuto, perchè questo ci può stare... Quello che mi fa uscire dai gangheri è questa specie di protezionismo ridicolo nei confronti di film prodotti in Italia: nei giornali, in Tv, al Costanzo Show, un po' dappertutto hanno parlato di questo film facendolo passare per un capolavoro quando, in realtà, si tratta della solita, banale, brutta e provinciale storiella italiana, per di più ai limiti del pornografico (il film, pieno di scene "esplicite", non è vietato ai minori di 18 anni, mentre sui film stranieri si è molto più fiscali).

Ma parliamo degli attori! Claudia Gerini sembra uscita da un film porno e in effetti è a suo agio solo nella scena hard col marito (nel film: Castellitto): davvero incapace di stare davanti ad una telecamera. Penelope Cruz, imbruttita e straniata, sguardo fisso, non solo per la parte che interpreta... insomma, va bene che si è fatta un nome solo mettendosi con Tom Cruise e non per le sue particolari doti artistiche, ma è comunque un nome: perchè venirsi a sputtanare in Italia facendo "sta cosa"? E veniamo al supremo Sergio Castellitto, genio, attore incommensurabile... ma de che? Ogni personaggio che interpreta e uguale agli altri e tutti sono uguali a se stesso (l'ho sentito parlare al "Grande Talk" un paio di mattine fa... era come il personaggio del film, Timoteo, come Padre Pio, come Ferrari). Addirittura si è dato alla regia per produrre questo capolavoro, costruito su di se e per se: appare nel 90% dei fotogrammi, il 60% dei quali sono scene di sesso, in tutte le salse. Mi fermo qui, non voglio infierire!

Ho letto critiche feroci su ottimi film americani, solo per far passare i nostri film, ma la verità è che in Italia si gira solo immondizia, non ci sono idee, si pensa in piccolo... Un film italiano si riconosce dalle inquadrature: strette, anguste, grigie e tristi. I dialoghi sono inesistenti e le poche parole pronunciate sono urlate, per coprire in nulla del significato.

Giuro è l'ultima volta che vado a veder un film italiano... ECCHECCAVOLO! Ridatemi i miei sette euro!

Puoi discutere questo argomento sul forum!

Posted by Lady Blackice at 23:03:28 Commenti [0]

La forze delle immagini II

Allegeriamo i toni con un altro contributo di Lil'Uts: delle immagini di macchine americane decorate in modo molto particolare per ricordare, onorare e sostenere le truppe Americane in Iraq. Fantastiche!

Una carrozzeria particolare... I
Una carrozzeria particolare... II
Una carrozzeria particolare... III
Una carrozzeria particolare... IV

Posted by Lady Blackice at 19:02:56 Commenti [0]

La forze delle immagini I

Scusate se non riesco ad aggiornare questa sezione come dovrei... abbiate un po' di pazienza, con la nuova versione sistemeremo anche questo! E' un po' che non scrivo: ce ne sarebbero di cose da dire sugli USA, ma questa volta ho deciso di lasciare spazio alle immagini... immagini che parlano da sole, immagini che ci ricordano che i soldati Americani in Iraq non sono feroci guerrieri, ma uomini, persone che soffrono.

Ringrazio Lil'Uts per questo toccante contributo.

Soldati Americani in Iraq I
Soldati Americani in Iraq II
Soldati Americani in Iraq III
Soldati Americani in Iraq IV
Soldati Americani in Iraq V

Posted by Lady Blackice at 19:00:37 Commenti [1]