Homepage -> APP Blog -> Minutemen

APP Blog

Minutemen

lexNel parlare delle battaglie di Lexington e Concord abbiamo citato i Minutemen. E’ il caso di rispondere a qualche domanda sul loro conto, a cominciare dalla più ovvia…

Perché questo nome? Notoriamente “ready in a minute”, erano addestrati a scendere in campo velocemente, con un preavviso davvero minimo, “at a minute’s notice”.

Erano miliziani? Innanzitutto va spiegato che, con il termine “militia”, all’epoca e in quel contesto, si intendeva l’insieme di quei civili armati che venivano scelti per difendere le colonie dalle minacce esterne ovvero, prima dell’Indipendenza, sostanzialmente dagli attacchi dei Nativi. I termini “militia” e “Minutemen” vengono spesso utilizzati come sinonimi ma si tratta davvero della stessa cosa? In verità, dalla milizia solo alcuni uomini, solitamente giovani, forti, affidabili e con idee politiche ben precise, venivano scelti per far parte di questa élite, avanguardia, corpo speciale – chiamatelo come volete- che erano i Minutemen. Dunque è vero che tutti i Minutemen erano miliziani ma non è vero il contrario, che tutti i miliziani erano Minutemen.

Quando vennero introdotti? Nonostante la loro fama sia legata principalmente alla Rivoluzione Americana, già nel 1645 alcuni miliziani del Massachusetts vennero selezionati per essere Minutemen.

Come combattevano? Non erano un esercito regolare e non dobbiamo pensare che agissero come se lo fossero. Più adatti alla guerriglia che alla guerra, tiratori scelti, non fronteggiavano il nemico vis-a-vis ma lo attaccavano ai fianchi con imboscate e azioni rapidissime.

Come erano equipaggiati? Non indossavano alcuna particolare uniforme ma semplici abiti da lavoro o da caccia; non potrebbe essere altrimenti considerato che, in qualunque posto si trovassero e qualunque cosa stessero facendo, dovevano essere pronti ad imbracciare le armi nel giro di un minuto. A proposito, armi e munizioni le tenevano nascoste nella terra o in casa, sotto le assi del pavimento.

Chi li guidava? Erano soliti concordare le decisioni più che seguire direttive. La mancanza di leadership fu una delle ragioni che portò alla loro scomparsa. La ragione decisiva, però, fu senz’altro un’altra: finché si trattava di territori e di colonie una milizia poteva anche andare bene ma era impensabile che si potesse lasciare la nascente confederazione americana senza un vero e proprio esercito.

conOggi alcune statue rendono loro onore. E’ il caso di quella realizzata da Henry Hudson Kitson che si trova a Lexington (Massachusetts), all’estremità sud-orientale del Battle Green (foto 1) o di quella situata a Concord (Massachusetts), vicino all’Old North Bridge (foto 2) e sulla cui base è incisa la celebre strofa del Concord Hymn. Quest’ultima scultura è opera di Daniel Chester French, lo stesso artista che realizzò la statua di John Harvard e il Lincoln Memorial.

[Photo from Flickr : I by Rob Shenk ( Licenza ), II by Lorianne DiSabato ( Licenza )]

Posted by YES at 8:00:00 Condividi su Delicious Condividi su Twitter Condividi su Facebook

Commenti

Commenti non presenti.

Commenta:

I commenti non devono essere usati come un luogo dove instaurare discussioni politico-ideologiche, nè come una bacheca per pubblicizzare altri siti. Tutti i messaggi non conformi alle regole verranno rimossi.







Smilies disponibili

SorrisoRisataFeliceMolto FeliceTristeMolto TristeArrabbiatoLinguacciaOcchiolinoFigoEeeh??CiecoImbarazzoDormeSospettosoGocciaFinto TontoOh My God!IndecisoShockatoAmoreMalatoNinjaFucileDevilFuck You



CodiceCodiceCodiceCodiceCodiceCodice

Powered by Lady Blackice