Homepage -> APP Blog -> Norman Rockwell Museum

APP Blog

Norman Rockwell Museum

museumQuest’oggi voglio spalancarvi le porte (si fa per dire) del Norman Rockwell Museum a Stockbridge (Massachusetts).

E’ ovvio che non avrebbe molto senso parlarvi del museo e non parlarvi dell’artista a cui è dedicato. Partiamo da questo, allora. In breve, Norman Rockwell nacque a New York nel 1984. Dimostrò sin da giovane una smisurata passione per l’arte in generale e per la pittura in particolare.

Non aveva ancora 16 anni quando gli fu commissionato il suo primo lavoro (la creazione di quattro temi natalizi). Collaborò con diverse riviste e per alcuni anni fu direttore artistico di Boy’s Life, il magazine ufficiale dei Boy Scouts americani. Per loro realizzò, tra l’altro, una serie di calendari. Ma la collaborazione più rilevante, quella che tutti ricordano e che più di ogni altra ha contribuito a fare di Rockwell l’”America’s most beloved artist” è senz’altro quella con il Saturday Evening Post. Per questa rivista, Rockwell realizzò 321 copertine nell’arco di 47 anni: la prima, “Boy with baby carriage”, fu pubblicata nel 1916.

Rockwell fu inoltre autore di numerosi disegni di natura pubblicitaria, di copertine di LP di musica e a lui spettò il compito di illustrare i classici di Mark Twain e di ritrarre molte personalità pubbliche (presidenti, cariche militari ecc).

autoritrattoNel 1939 si trasferì in New England ad Arlington (Vermont) e da quel momento i suoi lavori cominciarono a riflettere la vita delle cittadine di provincia. Lui stesso affermò: “I guess I have a bad case of american nostalgia for the clean, simple country life as opposed to the complicated world of the city”.

Nel 1953 l’ultimo spostamento: si trasferì a Stockbridge dove visse per 25 anni, fino alla sua morte.

Nel 1964, conclusa la collaborazione con il Post, iniziò a seguire il movimento dei diritti civili per la rivista Look realizzando copertine di sensibilizzazione a sfondo razziale. Nel 1977, un anno prima della sua morte, il Presidente Ford gli conferì la Medaglia della Libertà.

Ma passiamo dalla storia di Norman Rockwell alla storia del museo che oggi ospita la più vasta collezione al mondo di sue opere originali. Come e perché è finito dove è attualmente?

Nel 1967 alcuni cittadini di Stockbridge, tra cui Norman Rockwell, si misero insieme e congiuntamente acquistarono la Old Corner House, una vecchia casa storica che rischiava la demolizione. Nel 1969, dopo essere stata ristrutturata, la Old Corner House aprì al pubblico come museo e Rockwell diede in prestito molti dei suoi dipinti per arricchire l’esposizione; si sparse la voce e circa 5.000 persone accorsero quell’anno per ammirare i lavori di Norman Rockwell.

Nel 1973 Rockwell affidò tutte le sue opere nonché la proprietà del suo studio al museo perché se ne prendesse cura dopo la sua morte. Cosa che venne fatta, ovviamente.

Negli anni ’90 il museo e lo studio sono stati trasferiti in una nuova location (vedi la foto) e ogni anno richiamano a Stockbridge circa 250.000 visitatori.

Non vi ho parlato di Norman Rockwell in questa rubrica solo perché il museo a lui intitolato si trova in Massachusetts ma anche perché Rockwell visse in New England per quasi 40 anni, amava l’essenza della Nuova Inghilterra e la raffigurava spesso nei suoi quadri.

In alto “Triple Self-Portrait” (Triplice Autoritratto), uno dei dipinti più conosciuti.

Di seguito un video-tributo all’artista.

P.S: una delle opere più amate e più suggestive di Norman Rockwell, volutamente tralasciata, sarà oggetto del prossimo articolo Occhiolino

[Foto from Flickr by Christopher Gosselin ( Licenza )]

Posted by YES at 9:00:00 Condividi su Delicious Condividi su Twitter Condividi su Facebook

Commenti

Commenti non presenti.

Commenta:

I commenti non devono essere usati come un luogo dove instaurare discussioni politico-ideologiche, nè come una bacheca per pubblicizzare altri siti. Tutti i messaggi non conformi alle regole verranno rimossi.







Smilies disponibili

SorrisoRisataFeliceMolto FeliceTristeMolto TristeArrabbiatoLinguacciaOcchiolinoFigoEeeh??CiecoImbarazzoDormeSospettosoGocciaFinto TontoOh My God!IndecisoShockatoAmoreMalatoNinjaFucileDevilFuck You



CodiceCodiceCodiceCodiceCodiceCodice

Powered by Lady Blackice