La nuova struttura del forum - Informazioni sul recente restyling del forum.

Autore Topic: Cooking School: i consigli di Mima  (Letto 173555 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline mima70

  • Chef Ufficiale APP
  • APP Expert Member
  • ****
  • Post: 363
  • Karma: +28/-0
  • Sesso: Femmina
  • ognuno ha una farfalla nel suo cuore
    • Mostra profilo
Cooking School: i consigli di Mima
« il: Venerdì 06 Giugno 2008, 12:26 »

Ok visto che la ricette su nostro sito APP sono in continuo aumento, penso sia arrivato il momento di qualche dritta tecnica.

Pick the Pan

* Usare le teglia/e della misura indicata nella ricetta. Essere sicuri di seguire le istruzioni date per quanto riguarda l'uso di olio o burro e farina per ungere le teglie, anche per quanto riguarda il corretto uso della carta forno.

* Le teglie in alluminio anodizzato chiare sono le migliori perche riflettono via il calore dalla torta che, in questo modo, forma una crosta dorata ed un impasto morbido.

* Se usate una teglia nera (scura), antiaderente o di vetro dovrete abbassare la temperatura specificata nelle istruzioni di circa 4° (25°F). Questi tipi di teglie assorbono, non respingono, il calore così chè gli impasti cuociono più velocemente.

* Per avere muffins o cupcakes più gonfi, coprire la teglia con i pirottini di carta.   

Just Beat it

* Sia i mixer elettrici che quelli manuali vanno bene per mescolare (sbattere) gli ingredienti. Logicamente quelli elettrici sono i più potenti fra i due, così quando li usate sarebbe meglio iniziare con una potenza minima, per evitare gli schizzi, ed aumentarla gradualmente. Si possono amalgamare gli ingredienti anche manualmente, ma questo comporta un arduo lavoro ( es. 3 minuti corrispondono a 450 "sbattimenti" manuali  :ninja:)   
« Ultima modifica: Martedì 30 Dicembre 2008, 14:02 da mima70 »
Se esprimi un desiderio è perchè vedi cadere una stella, se vedi cadere una stella è perchè stai guardando il cielo, se guardi il cielo è perchè credi ancora in qualcosa.
(Bob Marley)

Offline mima70

  • Chef Ufficiale APP
  • APP Expert Member
  • ****
  • Post: 363
  • Karma: +28/-0
  • Sesso: Femmina
  • ognuno ha una farfalla nel suo cuore
    • Mostra profilo
Re: Cooking School: i consigli di Mima
« Risposta #1 il: Venerdì 06 Giugno 2008, 14:22 »
Bene, bene, se la prima parte non vi ha annoiato  :goccia: continuo la mia Cooking School... forse mi sto montando la testa  :sing :sing

The Great Bake

* siate sicuri di seguire le istruzioni per la preparazione di ogni torta così come le istruzioni che trovate sulle scatole dei preparati. Molte ricette richiedono degli ingredienti, che se omessi, possono fare la differenza

* Cuocete la trota sulla griglia posta AL CENTRO del forno, a meno chè le istruzioni non dicano diversamente

* Se il tempo di cottura indicato nella ricetta è, per esempio, 35-40 minuti, non aprite il forno prima dei 35 minuti o la vostra torta, a contatto con aria fredda, si potrebbe "sedere". Usate il famoso stuzzicadente per testare il centro della torta. Se ne fuoriesce pulito ed asciutto, la torta è pronta!!!

* Far raffreddare la torta su una griglia e dentro la tortiera per i primi 10 minuti, a meno che la ricetta non dica diversamente come, per esempio, per la Angel Food .


Removing Cake Layers


* Dopo aver tolto la torta dal forno, farla raffreddare, nella teglia, su una gratella per almeno 10-15 minuti.

* Far scorrere la lama di un coltello lungo i bordi della teglia per "staccare" il composto. Con un panno, pulito e ripiegato, coprire una gratella. Rivoltare la gratella sopra la teglia, il panno a contatto con la torta, e poi rigirarla in modo che la teglia possa essere facilmente tolta (a questo punto vedremo il lato inferiore del dolce). Se usato, rimuovere anche la carta forno. Lasciare raffreddare il dolce completamente sulla gratella.

* Ripetere l'operazione per quante teglie sono state usate.

Frosting a Layer Cake

* Posizionare 4 strisce di carta forno lungo i bordi del piatto di portata. Con un pennello da cucina togliere tutte le briciole dai dischi di torta (fredda). Posizionare un disco sul piatto con la parte arrotondata verso il basso (a meno che la ricetta non dica diversamente).

* Spalmare la farcia o la copertura nella quantità indicata nella ricetta. Partite dal centro e coprite il disco lasciando un margine di 0,5 cm. dal bordo.

* Posizionare il secondo disco, con la parte arrotondata verso l'alto. Spalmare un leggero strato lungo i bordi per "fermare" le briciole restanti. A questo punto si può mettere la torta in frigo per una decina di minuti e dopo finire la copertura. Coprire prima di tutto i bordi, formando un anello di circa 0,5 cm. di altezza lungo il top della torta. Dopo di che finire farcendo il top.

 
Uso della carta da forno

Vorrei spendere 2 parole sull'uso della carta forno... :chef:

Per poter ricoprire al meglio una teglia sarebbe bene prima bagnarla sotto l'acqua corrente  del rubinetto e poi strizzarla (in questo modo aderisce meglio alla teglia)

Mettiamo il caso, invece, che la ricetta vi richieda di ungere la teglia, o solo il fondo, e poi di utilizzare la carta forno... in questo caso prima di ungere la teglia appoggiatela col fondo sul foglio di carta, fate una dima con una matita e ritagliate lungo il disegno fatto (avrete un cerchio o qualsivoglia della dimensione corretta del fondo teglia) poi ungete la teglia, posizionate la carta ritagliata ed ungete anch'essa (per farla aderire).
« Ultima modifica: Domenica 08 Giugno 2008, 15:39 da Lady Blackice »
Se esprimi un desiderio è perchè vedi cadere una stella, se vedi cadere una stella è perchè stai guardando il cielo, se guardi il cielo è perchè credi ancora in qualcosa.
(Bob Marley)

Joker

  • Visitatore
Re: Cooking School: i consigli di Mima
« Risposta #2 il: Sabato 07 Giugno 2008, 15:44 »
Bene, bene, se la prima parte non vi ha annoiato 

Al contrario!! Leggo sempre con molto molto piacere quello che scrivi! Mi sto facendo a poco a poco una vera cultura culinaria! :P
E visto che ho intenzione di diventare un discreto cuoco, ogni "lezione" è ben accetta... :sing

Offline Sam

  • Moderatore Globale
  • APP Super Member
  • *****
  • Post: 1212
  • Karma: +64/-0
  • Sesso: Maschio
  • United we stand, divided we fall
    • Mostra profilo
    • Sam - Think different
Re: Cooking School: i consigli di Mima
« Risposta #3 il: Domenica 08 Giugno 2008, 11:17 »
Molto interessante questo topic!  ;)

Ho trovato utile soprattutto la parte che riguarda la carta da forno... le altre cose, bene o male, le sapevo già quasi tutte...
Aspetto una nuova parte, allora...  :D
My Blog: Sam - Think different

"Stay hungry. Stay foolish. Think different."

Offline mima70

  • Chef Ufficiale APP
  • APP Expert Member
  • ****
  • Post: 363
  • Karma: +28/-0
  • Sesso: Femmina
  • ognuno ha una farfalla nel suo cuore
    • Mostra profilo
Re: Cooking School: i consigli di Mima
« Risposta #4 il: Lunedì 09 Giugno 2008, 12:34 »
Provare la cottura della carne con le dita "The finger Test"

Partiamo subito col dire che ci sono 2 metodi per conoscere la cottura della carne, usare un termometro da cucina, o schiacciare la carne con le vs dita. Il problema col termometro è che bucando la carne, per inserirlo, si fanno fuoriuscire dei liquidi che dovrebbero rimanere nelle fibre; d'altra parte l'uso delle dita, sulla carne, potrebbe provocare delle scottature non indifferenti  >:D. Così provate ad usare questo metodo che il mio maritino (grande eufemismo  8)) mi ha fatto conoscere.

METODO

* Aprite il palmo della vostra mano e rilassatela. Con la punta dell'indice , o quale preferite voi, dell'altra mano schiacciate, con gentilezza, la carne, o ciccia  :sing, fra il pollice ed la base del palmo. Siate sicuri di aver effettivamente rilassato il palmo. Ecco questa è la consistenza quando la carne è cruda (fate la prova la prossima volta che dovete cucinare della carne!!)

* Ora esercitate una leggere pressione unendo il mignolo ed il pollice. Ora con un dito dell'altra mano provate a schiacciare la carne al di sotto del pollice. La sentirete laggermente più resistente. In questo modo è la carne quando è ben cotta (provate la prox volta coldorso di un cucchiaio su una bistecca!!)

* Ora unite, esercitando pressione, l'anulare ed il pollice. La parte sotto il pollice sarà leggermente elastica sotto la vostra pressione. Questa è la consistenza della carne a cottura normale.

* Esercitate una leggera pressione col medio ed il pollice. Con l'altra mano testate sempre l'area al di sotto del pollice, questa è la consistenza a media cottura (cotta fuori e rosata internamente)

* Premete la punta dell'indice con la punta del pollice. La parte sotto al pollice dovrebbe essere morbida. Ecco la consistenza della carne cotta al sangue. Ora aprite di nuovo il palmo della vostra mano e provate a "sentire" la differenza fra cruda e cotta al sangue.

Lo so possiamo sembrare tanti cretinetti a fare le prove con le mani, ma credetemi col tempo vi verrà naturale ed automatico (parola di chef  :chef: )   
« Ultima modifica: Mercoledì 11 Giugno 2008, 17:16 da Lady Blackice »
Se esprimi un desiderio è perchè vedi cadere una stella, se vedi cadere una stella è perchè stai guardando il cielo, se guardi il cielo è perchè credi ancora in qualcosa.
(Bob Marley)

Offline mima70

  • Chef Ufficiale APP
  • APP Expert Member
  • ****
  • Post: 363
  • Karma: +28/-0
  • Sesso: Femmina
  • ognuno ha una farfalla nel suo cuore
    • Mostra profilo
Re: Cooking School: i consigli di Mima
« Risposta #5 il: Lunedì 09 Giugno 2008, 16:07 »
Lattice Top

"Lattice top" è la copertura a griglia che si vede in alcune torte americane come nella famosa Apple Pie a vederla potrebbe sembrare un lavoro difficie ma non è così, vediamo se questa volta sarò abbastanza chiara....

1- Prima di formare le strisce per la griglia di copertura, realizzate la base per la teglia, ricordate che dovrà coprire anche i lati della teglia e fuoriuscirne.
Mettete la teglia nel frigor mentre preparate la copertura. Su un piano leggermente infarinato, stendete con un mattarello l'impasto per la copertura che dev'essere molto più largo del diametro della teglia (in questo caso se avete un piano con i diametri segnati, tipo Tupperwer, siete a posto) Ricordatevi che sarà più facile lavorare lìimpasto se sarà freddo e lavorate velocemente per non scaldare troppo la pasta !!!!!!
2- Ricavatene delle strisce che vanno da 1,5 cm ad un max di 2 cm. Potete usare un coltello da pizza o un rullo multi lame (tipo quello per le tagliatelle)


Posizionare  da 4 a 7 strisce parallele sul ripieno, dipende da quanto larghe sono le strisce e dalla dimensione della teglia, lasciando da 1,5 a 2 cm. fra loro.

Ripiegare le strisce, alternandole

e posizionare una striscia perpendicolarmente a quelle messe prima (lo so non sono chiara, quindi vi conviene guardare la foto)

Richiudere le strisce precedentemente sollevate

a questo punto sollevare le altre precedentemente lasciate giù

Posizionare un'altra striscia di pasta e procedere come prima....anche dall'altra parte

Con una forbice tagliare la pasta in eccesso e "saldare" insieme con le dita le strisce con l'impasto base

Con le dita (pollice e indice) "pizzicare" il bordino per formare un motivo decorativo

spennellare la griglia con il tuorlo per fare in modo che in cottura assuma un bel colore brunito

 




 
Se esprimi un desiderio è perchè vedi cadere una stella, se vedi cadere una stella è perchè stai guardando il cielo, se guardi il cielo è perchè credi ancora in qualcosa.
(Bob Marley)

Offline mima70

  • Chef Ufficiale APP
  • APP Expert Member
  • ****
  • Post: 363
  • Karma: +28/-0
  • Sesso: Femmina
  • ognuno ha una farfalla nel suo cuore
    • Mostra profilo
Re: Cooking School: i consigli di Mima
« Risposta #6 il: Martedì 10 Giugno 2008, 16:08 »
Baking Tips


Lievito e Bicarbonato:  Ricordatevi che entrambi mantengono al massimo le loro caratteristiche fino a 6 mesi dall'apertura del pachetto. Se non siete sicuri della loro "freschezza", mescolate un pizzico di bicarbonato o di lievito con dell'aceto o dell'aqua calda, rispettivamente. se "frizzano" sono freschi.

Burro: Le ricette sono scritte per burro non salato, in caso contrario viene sempre specificato. Questo è importante perchè se si usa i burro salato non dovete usare il sale specificato in ricetta, ma anche perchè il burro salato emette più "acqua", in cottura, rispetto a quello non salato.

Cacao: Bisogna subito fare una distinzione fra i tipi di cacao:

- Naturale
- Lavorato a caldo

Queste non devono essere confuse  con la versione istantanea e dolcificata che serve per la preparazione delle cioccolate.
Quando si usano gli agenti lievitanti chimici (lievito e bicarbonato), siate sicuri di usare il tipodi cacao specificato in ricetta. il cacao naturale è sufficientemente acido per reagire con il bicarbonato nelle torte e nei biscotti; il cacao lavorato a caldo viene, quindi, usato nelle ricette che non hanno bisogno del lievito per crescere.

Uova: Le ricette richiedono sempre le uova grandi "XL",  meno che non sia specificato diversamente.

Farine: Normalmente ci sono 3 tipi di farine nei negozi: la 00 chiamata "all-purpose", la farina er dolci o manitoba chiamata "cake flour" e la farina per il pane "bread flour". La differenza principale tra loro è la quantità di proteine che contengono. Quella che ne contiene di più è la farina per pane, quella per dolci o Manitoba è quella che ne contiene meno, e fra le due si colloca la 00. Più proteine contengono, più glutine si svilupperà nell cottura. (Il glutine va bene per il pane, ma non va bene  per le torte dolci).
La farina 00 è molto "versatile", nel senso che viene utilizzata nella maggior parte delle ricette (cupcakes, pound cakes e tote al cioccolato). la farina per dolci è più delicata ed indicata per i dolci morbidi. La farina 00 e la farina per dolci non danno gli stessi risultati, se usate la farina 00 in una ricetta che richiede quella per dolci il risultato sarà più denso e stopposo. Se non avete a disposizione la farina per dolci, usate questa soluzione:

1 cup farina per dolci = 3/4 cup di farina 00+ 2 tablespoon di amido di mais

Panna: Se vi dovessi consigliare tra scegliere la panna intera o la panna da montare, personalmente vi consiglerei quella intera, poichè contiene circa il 36% di grasso lattiero, invece la panna ne contiene all'incirca il 30% (cmq mai più del 36%). La panna intera ha un gusto più fresco, ed è più cremosa quando viene montata, e mantiene le onde, i famosi "pick" più a lungo.

Sale: Usare solo sale fino, nè grosso nè aromatizzato (tipo il sale Rosa o quello Nero o quello kosher) per le torte.

Estratto di vaniglia: Per un sapore mmigliore, usate estratto di vaniglia naturale, ma anche quello artificiale può essere usato (in misura minore).
A mio avviso, o solo perchè è il mio preferito, quello puro del Madagascar è ineguagliabile.

Attrezzature di base

- 2 teglie rotonde da 20 e 2 da 22 cm. più una rettangolare da 23x33 cm più una quadrata da 22 cm.
- un set di spatole di acciaio
- un set di spatole di silicone
- pirottini e teglie per muffin
- carta forno
- stuzzicadenti  :D (esistono anche dei veri tester per le torte, ma gli  stuzzicadenti svolgono la stessa funzione e costano 10 volte meno)
- gratelle per far raffreddare le torte
- ciotole di varie misure
- mixer elettrico e fruste manuali di varie dimensioni
- Base girevole per torta
- Basi in cartone per presentazione (li trovate nei supermercati forniti o se avete un amico pasticcere, fate come me, fregategliene qualcuna  8) )   
-
« Ultima modifica: Mercoledì 11 Giugno 2008, 11:23 da mima70 »
Se esprimi un desiderio è perchè vedi cadere una stella, se vedi cadere una stella è perchè stai guardando il cielo, se guardi il cielo è perchè credi ancora in qualcosa.
(Bob Marley)

Offline mima70

  • Chef Ufficiale APP
  • APP Expert Member
  • ****
  • Post: 363
  • Karma: +28/-0
  • Sesso: Femmina
  • ognuno ha una farfalla nel suo cuore
    • Mostra profilo
Re: Cooking School: i consigli di Mima
« Risposta #7 il: Mercoledì 11 Giugno 2008, 15:20 »
Tips & Techniques

Misurazioni o pesature ingredienti:
Delle misurazioni accurate sono cruciali per una buona riuscita del dolce (o di qualsiasi altro piatto). Per questo occorrono 3 tipi di accessori : un misuratore (brocca) in vetro o in plastica per gli ingredienti secchi,
delle tazze con misurazioni varie per i liquidi ed un set di cucchiai.
La maggior parte delle ricette americane misurano gli ingredienti per volume, non per il peso (1 cup di zucchero = 227 gr circa = 8 oz.). se siete appassionati di cucina americana vi consiglio di acquistarli perchè è il modo migliore per avere delle torte come descritte (non sempre con le conversioni metriche i risultati sono uguali).

Per misurare i liquidi:
vi consiglio (lo so farà ridere  :-*) di appoggiare la cup su un piano, tavolo, di piegarvi sulla ginocchia in modo che i vs occhi siano all'altezza del filo della cup e versare il liquido.

Per gli ingredienti secchi:
Con un cucchiaio versarsate l'ingrediente nel misuratore richiesto (cup/spoon), riempitelo generosamente oltre il bordo del contenitore, quindi, gentilmente con la lama di un coltello passate lungo il contenitore per livellare l'ingrediente. Questo non va bene nel caso nella ricetta sia specificato il termine "packed", (in acune ricette vale per lo zucchero di canna o demerara) in questo caso dovete letteralmente pressare l'ingrediente nel contenitore tanto che quando lo svuotate avrà la forma del contenitore stesso.

Modi di misurare o pesare errati sono fra i più comuni errori che si fanno in cucina. Un paio da evitare, assolutamente sono:

- Non cercate di mettere il misuratore "dentro" il pacco per prelevare la farina   >:D, in questo modo ne userete di più di quella necessaria, il risultato sarà una torta asciutta e stopposa......
- Non tenete i misuratori per liquidi in mano, perchè vi sentite un po' in imbarazzo  :-[ ad usare il metodo consigliato prima, rischiate di versarne un po' di più o un po' di meno........

Farina setacciata: Se la ricetta richiede "una tazza di farina setacciata" (one cup sifted flour), prima setacciatela e poi misuratela. Se, invece, richiede "una tazza di farina, da setacciare" (one cup flour, sifted) misurate la farina, come indicato sopra, poi la setacciate. potrebbe sembrare una sottigliezza, ma, alla fine, fa la differenza fra la leggerezza ed il piombo. Vengono venduti diversi attrezzi per setacciare la farina con un misuratore attaccato sotto ma un colino a maglie fini sortisce lo stesso identico effetto. Mescolate sempre i secchi (lievito, il bicarbonato, il sale, le spezie etc..)  insieme, se vi è possibile setacciateli insieme, in questo modo saranno uniformemente distribuiti prima di aggiungere i liquidi.   
« Ultima modifica: Giovedì 12 Giugno 2008, 11:31 da mima70 »
Se esprimi un desiderio è perchè vedi cadere una stella, se vedi cadere una stella è perchè stai guardando il cielo, se guardi il cielo è perchè credi ancora in qualcosa.
(Bob Marley)

Offline mima70

  • Chef Ufficiale APP
  • APP Expert Member
  • ****
  • Post: 363
  • Karma: +28/-0
  • Sesso: Femmina
  • ognuno ha una farfalla nel suo cuore
    • Mostra profilo
Re: Cooking School: i consigli di Mima
« Risposta #8 il: Giovedì 12 Giugno 2008, 12:19 »
Tips & Techniques - part 2

Burro e uova: Quando una ricetta richiede di sbattere il burro finchè diventa chiaro e soffice, è importante che sia ad una temperatura tale da poter essere maneggiato in modo da poter imprigionare e mantenere la giusta quantità d'aria. Se il burro fosse freddo e sodo, o troppo caldo e molle, non potrebbe mantenere l'aria ne composto, come risultato si avrebbe una torta non completamente lievitata o troppo densae stopposa. Il buro, invece, è sufficientemente malleabile quando facendo una lieve pressione col dito ( ancora loro  :P) ne rimane l'impronta. Sarebbe il caso di lasciarlo fuori dal frigor per almeno 45 minuti prima di usarlo (NB: dipende dalla temperatura che c'è), tagliarlo a pezzetti velocizza l'operazione. Il burro può essere scaldato in microonda, a bassa potenza, ma è molto facile eccedere nel tempo e così invalidare il passaggio.

Per le uova bisogna tener presente che la temperatura ambiente è sempre la migliore. Se le avete nel frigor potete metterle in una bacinella riempita di acua calda per almeno 5 minuti.

Ridurre a crema: Spesso nelle ricette viene richiesto di sbattere, o ridurre in crema, manualmente, il burro con lo zucchero per almeno 10 minuti. Sebbene possa essere invitante abbreviare i tempi, usando un mixer elettrico, è importante attenersi alla ricetta. Questa operazione è la base della resa soffice della torta stessa. Non dimentichiamoci che un ingrediente vitale nelle torte è l'aria, e che necessita di tempo per essere incamerata dall'impasto. Il burro dovrà schiarirsi e crescere di volume.

Frustare: Anche le uova dovranno essere "sbattute" o, come si dice in gergho, frustate per il tempo necessario a diventar di colore chiaro, quasi crema, e spumeggianti. Dovranno, anche, formare un nastro spesso quando la frusta viene sollevata. Se la ricetta richiede di aggiungere un uovo alla volta, siate sicuri che quello precedente sia completamete incorporato al composto.

Mischiare gli ingredienti: Quando incorporate gli ingredienti secchi in un impasto, è importante non lavorare troppo il composto. Mischiare insieme gli ingredienti è meglio, per le torte, che mescolarli. Per mischiarli si può usare il lato largo della spatola, ed immaginare il movimento di un remo in acqua (scusatemi ma non sapevo come scriverla  :goccia:). E' importante anche ruotare la ciotola, per essere sicuri di mischiare gli ingredienti in modo uniforme. 

Tagliare a strati: In commercio esistono delle vere e proprie seghette multistrati per le torte (reparto dolci di moltissimi supermercati) ma un modo comodo, facile ed economico è usare gli stuzzicadenti!!!!. Basta inserire gli stuzzicadenti fino a metà per tutto il perimentro della torta e poi usarli come righello tagliando la torta con un coltello a sega. Se gli strati non sono dello stesso spessore, usate quello più spesso come base.

Forno: Se non avete un forno ultimo modello, cioè che vi indica quanto tempo gli occorre per raggiungere le temperature, accendetelo circa 20 minuti prima di iniziare a preparare la torta. Ricordatevi che non tutti i forni sono uguali, quindi cercate di entrarci in confidenza  :bash:. Se la ricetta non dice diversamente, la posizione migliore per la cottura è il ripiano centrale. Se si devono cuocere duo o più teglie, cercate di alternare, a metà cottura, le loro posizioni così la cottura risulterà uniforme.
« Ultima modifica: Giovedì 12 Giugno 2008, 13:05 da mima70 »
Se esprimi un desiderio è perchè vedi cadere una stella, se vedi cadere una stella è perchè stai guardando il cielo, se guardi il cielo è perchè credi ancora in qualcosa.
(Bob Marley)

Offline Sam

  • Moderatore Globale
  • APP Super Member
  • *****
  • Post: 1212
  • Karma: +64/-0
  • Sesso: Maschio
  • United we stand, divided we fall
    • Mostra profilo
    • Sam - Think different
Re: Cooking School: i consigli di Mima
« Risposta #9 il: Lunedì 16 Giugno 2008, 14:26 »
Ho un consiglio da chiederti.  ;D

L'altro giorno volevo fare una torta, di quelle "classiche", tipo una torta paradiso.
E volevo aggiungere le gocce di cioccolato in modo che rimanessero sparse nella torta.
Tempo fa avevo provato a metterle nell'impasto, mentre un'altra volta le avevo messe sulla superficie della torta prima di metterla in forno. In entrambi i casi, le gocce erano scese tutte sul fondo.  :(

Forte del tuo suggerimento letto nella ricetta Watermelon Cake, ho provato a seguirlo anche in questo caso.
Con scarso successo.
Nel senso che le gocce, di nuovo, sono finite sul fondo della torta.

Sai mica come posso fare per far sì che le gocce non "cadano"?
My Blog: Sam - Think different

"Stay hungry. Stay foolish. Think different."

Offline mima70

  • Chef Ufficiale APP
  • APP Expert Member
  • ****
  • Post: 363
  • Karma: +28/-0
  • Sesso: Femmina
  • ognuno ha una farfalla nel suo cuore
    • Mostra profilo
Re: Cooking School: i consigli di Mima
« Risposta #10 il: Lunedì 16 Giugno 2008, 14:33 »
Caio SAm, in realtà aggiungere le gocce o qualsiasi altro ingrediente nella torta paradiso è un po' difficile, perchè l'impasto della stessa è molto più soffice e con più bolle d'aria rispetto alle altre (da questo il termine Paradiso). Un'altro discorso sarebbe nel caso della "Torta della Nonna", cmq la prossima volta prova a mettere le gocce in una ciotola con della farina e prova a mecolarle con le mani (fai in modo che siano ben ricoperte di farina).
Fammi sapere com'è andata   :numone: :numone:
Se esprimi un desiderio è perchè vedi cadere una stella, se vedi cadere una stella è perchè stai guardando il cielo, se guardi il cielo è perchè credi ancora in qualcosa.
(Bob Marley)

Offline Sam

  • Moderatore Globale
  • APP Super Member
  • *****
  • Post: 1212
  • Karma: +64/-0
  • Sesso: Maschio
  • United we stand, divided we fall
    • Mostra profilo
    • Sam - Think different
Re: Cooking School: i consigli di Mima
« Risposta #11 il: Lunedì 16 Giugno 2008, 14:40 »
Sì, in realtà, non è una torta paradiso vera e propria.
Gli ingredienti e la ricetta sono più o meno gli stessi, solo che al posto del burro si usa l'olio.
In ogni caso, in entrambe le torte non sono mai riuscito.

Questa volta avevo messo le gocce in un barattolo con la farina e le avevo fatte ricoprire. La prossima volta proverò con un po' più di farina e mescolandole con le mani...

E poi le metto direttamente nell'impasto o le metto sopra alla torta prima di metterla in forno (in modo che, lievitando, "scendano")?

Grazie...
« Ultima modifica: Lunedì 16 Giugno 2008, 14:42 da SAm84 »
My Blog: Sam - Think different

"Stay hungry. Stay foolish. Think different."

Offline mima70

  • Chef Ufficiale APP
  • APP Expert Member
  • ****
  • Post: 363
  • Karma: +28/-0
  • Sesso: Femmina
  • ognuno ha una farfalla nel suo cuore
    • Mostra profilo
Re: Cooking School: i consigli di Mima
« Risposta #12 il: Lunedì 16 Giugno 2008, 14:47 »
Fai così, mettile nell'impasto ma non mescolare troppo...
Le gocce scendono perchè il loro "peso" è maggiore rispetto laa'impasto che hanno intorno... la farina serve a "frenare" la loro caduta.... :police:
Ciao ciao
Se esprimi un desiderio è perchè vedi cadere una stella, se vedi cadere una stella è perchè stai guardando il cielo, se guardi il cielo è perchè credi ancora in qualcosa.
(Bob Marley)

Offline mima70

  • Chef Ufficiale APP
  • APP Expert Member
  • ****
  • Post: 363
  • Karma: +28/-0
  • Sesso: Femmina
  • ognuno ha una farfalla nel suo cuore
    • Mostra profilo
Re: Cooking School: i consigli di Mima
« Risposta #13 il: Mercoledì 10 Settembre 2008, 15:26 »
Mi sono accorta che è da un po' di tempo che non scrivo più in questo post. Vediamo di farmi perdonare dai miei lettori (oddio il mio ego continua a crescere a dismisura  :sorry:)

Cheesecake Baking Hints
 
 

La Cheesecake è la chiusura perfetta per un pranzo speciale. Ecco come ottenere il migliore risultato: 

Usate uno stampo a cerniera (springform pan), che è ottimale per cuocere la Cheesecake (in commercio ne esistono certi col piatto in vetro che può essere portato direttamente a tavola.
Bisogna seguire bene le indicazioni per la preparazione in modo da evitare di mescolare troppo gli ingredienti, altrimenti la torta potrebbe "collassare" perchè ha inglobato troppa aria.
Si può evitare che la torta si rompa durante la cottura appoggiando lo stampo dentro una teglia con 2 dita d'acqua oppure, come si usa per il pane, mettendo nel forno sotto lo stampo una bacinella di acqua calda.
La torta potrebbe rompersi anche perchè subisce uno "shock" quando si apre la porta del forno ed entra l'aria fredda, durante la cottura.
Aspettate che la cheesecake sia quasi al termine della cottura (2 o 3 minuti prima) per testarla.   
N.B: La Cheesecake cuoce a temperature basse altrimenti si asciuga troppo. 
Come possiamo sapere se la torta è pronta ? Basta toccare delicatamente il top, o agitate gentilmente la teglia. Il centro dev'essere appena solido al tatto, ma non duro, perchè si raffermerà durante il raffreddamento.  :excl: Mi raccomando: non usate il coltello per vedere se la cheesecake è pronta (l'ho visto fare una volta ad una mia amica e me la sono "mangiata" [l'amica non la torta]) >:D


Cooling & Serving Cheesecake

Fate raffreddare la torta per 30 minuti, o come da indicazioni, prima di metterla in frigorifero.
Lasciatecela per 2 o 3 ore non coperta, o finchè si è raffreddata, prima di servirla. In questo modo la copertura o guarnizione non si scioglierà perchè la torta è troppo calda.(provate a pensare alla marmellata di fragole come diventa, bleh  :sick:)
Alla fine, dopo che si è raffreddata del tutto, copritela così che non si asciuga troppo e non assorbe gli odori degli altri alimenti in frigo. 
Una volta raffreddata usate una spatola metallica o un coltello, dalla parte non tagliente, per staccare, con attenzione, la torta dalla tortiera.
Per una fetta "perfetta", cioè senza sbavature, prima del taglio bagnate il coltello nell'acqua, lo asciugate in un panno pulito e lo usate, ripetete l'operazione dopo ogni porzione.
Oppure usate, com'è tradizione il filo interdentale (PULITO!!!  >:()
« Ultima modifica: Mercoledì 10 Settembre 2008, 16:41 da Lady Blackice »
Se esprimi un desiderio è perchè vedi cadere una stella, se vedi cadere una stella è perchè stai guardando il cielo, se guardi il cielo è perchè credi ancora in qualcosa.
(Bob Marley)

Offline Lady Blackice

  • The Boss
  • Amministratore
  • APP Super Member
  • *****
  • Post: 3725
  • Karma: +201/-0
  • Sesso: Femmina
  • USA: the Land of the Free, the Home of the Brave!
    • Mostra profilo
    • Lady Blackice - Yes, A Female Engineer, It's Possible!
Re: Cooking School: i consigli di Mima
« Risposta #14 il: Mercoledì 10 Settembre 2008, 16:40 »
Grande mima!! :clap :clap :clap

Altro che ego che cresce a dismisura, non hai idea di quanto ti siamo grati! :numone:

Io sono piuttosto impedita in cucina! ;D Si, mi piace sperimentare e ogni tanto lo faccio, ma si nota che non è propriamente il mio campo, quindi ben vengano i tuoi preziosi consigli!

E poi, visto che è cominciata una nuova stagione, è bene riprendere i vecchi appuntamenti! ;)
Ripetete tutti con me: "Leggere il REGOLAMENTO è cosa buona e giusta!" ;)

My Blog: Lady Blackice - Yes, A Female Engineer, It's Possible!

"You'd have to walk a thousand miles in my shoes
just to see what it's like to be me.
"